Modellate dal percorso solare: le torri di Mario Cucinella per il Villaggio Expo a Milano

Destinate ad ospitare le delegazioni e gli staff di Expo, saranno poi convertite in social housing

Volumi che si assottigliano verso l’alto, scomposti in parallelepipedi di diversa altezza, variegati nei colori, e vibranti sotto la luce del sole. Le tre torri progettate dallo studio Mario Cucinella Architects per il Villaggio Expo sono modellate ed orientate in base al percorso del sole, assumono una conformazione a gradoni per garantire l’illuminazione ai piani più bassi e alla piazza centrale, luogo identitario attorno a cui i nuovi edifici si organizzano. Efficienza energetica e sostenibilità ambientale sono poi i concetti chiave, che non possono mancare in un progetto firmato dall’architetto bolognese.

Foto: © Guido Maria Isolabella

Gli edifici appena realizzati compongono, insieme ad altre quattro torri, il Villaggio Expo, progettato da Euromilano, nell’ambito del piano di riqualificazione dell’area di Cascina Merlata. Il complesso è destinato ad ospitare le delegazioni e gli staff internazionali durante la grande Esposizione, per poi essere convertito, terminato l’Expo, in social housing. A firmare le altre quattro torri sono stati gli studi Teknoarch, B22 e Pura.

In tutto 397 alloggi, cablati in fibra 100, dotati di TV o smart TV e wi-fi gratuito. Al centro, la grande piazza disegnata da Cino Zucchi Associati, dove si affacciano una palestra, una luminosa sala living, un caffè gestito dal PIME (Pontificio Istituto Missioni Estere) grazie al lavoro dei suoi volontari, un punto di primo intervento con medico e una meeting room con impianto audio-video.

Foto: © Guido Maria Isolabella

Gli edifici progettati dal team di Mario Cucinella occupano una parte del masterplan. «Il progetto nasce da un complesso lavoro di affinamento delle forme e delle volumetrie sviluppato insieme ad altri progettisti, chiamati ad occuparsi di questo lotto funzionale, nell’intento di coordinare e far coesistere le diverse volumetrie richieste», spiegano dallo studio dell’architetto Cucinella.

© MC A Mario Cucinella Architects

Il concept architettonico si fonda su un principio di base: la qualità dell’abitare è legata a doppio filo alla qualità dello spazio pubblico e privato che sta intorno agli edifici. E giacché a disegnare il paesaggio urbano sono le architetture, allora i loro volumi e le facciate giocano un ruolo essenziale, specie in un tessuto così denso. È per questo che le torri sono espressione di una certa complessità, e contribuiscono a conformare un paesaggio fatto di pieni e di vuoti, di volumi di altezze differenti, di trasparenze ed opacità e di colori e sfumature diversi.

Foto: © Guido Maria Isolabella

«I volumi – sottolineano i progettisti dello studio MC A – hanno forme regolari ma sfaccettate, sono uniformi da un punto di vista materico ma variegati nei colori e nella vibrazione della luce. Il sistema a gradoni permette di illuminare lo spazio centrale e i locali più bassi, aprendo viste e prospettive e garantendo terrazze di maggiori dimensioni».

I volumi e gli ambienti sono stati organizzati sulla scorta di un’analisi solare. L’orientamento, l’organizzazione degli ambienti e il dimensionamento delle superfici trasparenti di facciata sono il naturale esito degli studi solari e della valutazione delle ore di soleggiamento sulle superfici.

© MC A Mario Cucinella Architects

Il sistema di piani degradanti determina una configurazione diversa di appartamenti sui vari livelli. A diverse altezze sono stati ricavati i terrazzi esterni, utilizzabili da appartamenti contigui. Il piano terra è uno spazio condominiale fruibile e luminoso, adatto a ospitare zone di verde e aree di uso collettivo.

Foto: © Guido Maria Isolabella

I limitati budget a disposizione, tipici dell’edilizia convenzionata, non hanno impedito di classificare le nuove architetture in classe A. Sono bastati impianti efficienti (pannelli fotovoltaici, teleriscaldamento, pavimento radiante, unità di trattamento aria) e un buon isolamento dell’involucro (facciata a cappotto, vetri camera basso emissivi) per ridurre del 50 per cento i consumi annui per riscaldamento invernale.

Crediti

Luogo: Milano.
Anno: 2012 – 2015. Progetto realizzato

Tipologia: concorso Internazionale di idee
Cliente: EuroMilano S.p.A.
Superficie: 14.000 mq

Progettazione architettonica: Mario Cucinella Architects
Team: Mario Cucinella, David Hirsch, Marco Dell’Agli, Luca Stramigioli, Giuliana Maggio, Yuri Costantini (modelli)

Render: Cristian Chierici – CC79
Fotografia: Guido Maria Isolabella
Immagini progetto: MCA Archive Progettazione 

Impianti: Ariatta Ingegneria dei Sistemi srl
Progettazione strutture: SCE Project srl
Antincendio: Studio Zaccarelli
Coordinamento e direzione lavori: Intertecno srl

Imprese e fornitori: COVEXPO s.c.a.r.l. (CMB -CILE- Mangiavacchi Pedercini – Nessi & Majocchi)

pubblicato in data:

, ,