Holcim Awards per l’Europa, i vincitori

risultato concorso

10 i progetti eccellenti e vincitori della terza edizione del concorso internazionale Holcim Awards per l’Europa: la competizione organizzata dalla Holcim Foundation e gestita in collaborazione con rinomati istituti universitari partner che intende dare riconoscimento a progetti e prospettive di edilizia sostenibile di tutta Europa.

I nomi dei premiati – distintisi per varietà di approcci nell’ambito delle costruzioni sostenibili  e per la loro capacità di far fronte sia alla crescente urbanizzazione, sia all’innovazione dei materiali e alle tecniche di costruzione – sono stati resi noti durante una cerimonia tenutasi a Roma. Oltre 6000 le candidature per progetti provenienti da 146 paesi diversi, ma ecco i vincitori:

L’oro a un progetto di ristrutturazione urbana in Germania
autore: Tim Edler, Germania

Il primo premio di USD 100.000 è andato a un progetto urbanistico di riconversione di un braccio sottoutilizzato del fiume Spree a Berlino, trasformato in una “piscina” naturale lunga 745m. Il progetto Flussbad nel centro storico della città crea un’area per il nuoto equivalente a 17 piscine olimpioniche e offre uno spazio ricreativo urbano pubblico, sia per i residenti che per i turisti, vicino alla Museuminsel, sito Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Il piano urbanistico, comprensivo di una riserva naturale a canneto di 1,8 ettari, con filtri a sabbia nel substrato per purificare le acque, è opera di un team diretto dall’architetto Tim Edler di Realities United, Germania.

Lucy Musgrave, membro della giuria e co-direttrice dell’agenzia di pianificazione del territorio con sede a Londra, ha espresso il suo apprezzamento per il miglioramento netto e diretto della qualità della vita urbana e il positivo contributo ecologico, ottenuti grazie al risanamento dei corsi d’acqua cittadini. «È un eccellente esempio di fattibilità in aree problematiche di un centro storico che vanta una ricca tradizione con un notevole patrimonio culturale e dove spesso gli abitanti del luogo passano inosservati» ha affermato.

L’argento alla riconversione di una fabbrica belga in municipio e centro civico
Carlos Arroyo Arquitectos

Il secondo premio, Holcim Awards Silver, è stato assegnato a un progetto per la riconversione di un’ex fabbrica in municipio e centro civico per la città di Oostkamp in Belgio.

L’idea chiave dello studio d’architettura spagnolo, Carlos Arroyo Arquitectos, consiste non soltanto nel riutilizzo della struttura principale e dei relativi materiali, ma anche nello sfruttamento dello spazio stesso e della sua infrastruttura tecnica. Raffinati interni, realizzati in gesso rinforzato con fibra di vetro e carta riciclata, completano la struttura di elementi modulari disposti in base alle zone termiche: l’isolamento termico “a cipolla” riduce notevolmente il consumo energetico.

Il progetto offre il massimo risultato con il minimo intervento tecnico possibile e il minimo investimento economico. L’atrio principale aperto offre uno straordinario esempio di trasparenza nell’architettura governativa.

Bronzo per un progetto di riutilizzo infrastrutturale in Italia
Philippe Rizzotti Architects, Samuel Nageotte Architecture e Off Architecture

Il terzo premio, Holcim Awards Bronze, è andato al progetto nato dalla collaborazione tra Philippe Rizzotti Architects, Samuel Nageotte Architecture e Off Architecture, tutti con sede in Francia, per la conversione in “villaggio verticale” di uno dei viadotti recentemente dismessi in seguito alla realizzazione di una variante autostradale.

Le unità abitative vicino a Scilla sono concepite per cittadini europei in pensione, attirati dai vantaggiosi fattori climatici e dalla qualità della vita nella regione. I piloni verticali del ponte sono rinforzati per migliorarne la capacità strutturale, con piattaforme orizzontali create per ospitare unità abitative, servizi medici, strutture ricreative e negozi. Il progetto è stato riconosciuto per l’intelligente trasformazione di una struttura esistente in una destinazione d’uso completamente diversa, offrendo nuove opportunità economiche alla regione.

Premi Holcim Awards Acknowledgement 2011

High-density cottage garden structure, Appeltern, Paesi Bassi. Autore principale: Marijke Bruinsma, De Stuurlui Stedenbouw, Paesi Bassi | High-efficiency concrete formwork technology, Zurigo, Svizzera. Autore principale: Matthias Kohler, Gramazio & Kohler, Architecktur und Digitale Fabrikation – ETH Zurich, Svizzera | Low-cost apartments incorporating smart materials, Amburgo, Germania Autore principale: Frank Barkow, Barkow Leibinger Architects, Germania | Medium rise timber office building in low-to-no carbon emissions district, Helsinki, Finlandia Autore principale: Matthias Sauerbruch, Sauerbruch Hutton, Germania

Premi Holcim Awards “Next Generation” 2011

Efficient fabrication system for geometrically complex building elements, Londra, Regno Unito. Autore principale: Povilas Cepaitis, AA School of Architecture, Regno Unito | Materials reuse and regional transformation scheme, Gijón / Xixón, Spagna- Autore: Elisa de los Reyes Garcia, Universidad Politécnica de Madrid, Spagna | Bioluminescent devices for zero-electricity lighting, Siviglia, Spagna. Autore: Eduardo Mayoral, Universidad de Sevilla, Spagna.

web www.holcimfoundation.org/T1327/Europe.htm


Holcim Awards
costituiscono un concorso internazionale di Holcim Foundation, finalizzato alla ricerca di progetti innovativi, concreti e orientati al futuro nel settore dell’edilizia sostenibile, per i quali sono in palio premi in denaro per un totale di 2 milioni di USD in un ciclo triennale.

Il concorso è gestito in collaborazione con rinomati istituti universitari partner: Politecnico federale svizzero di Zurigo (ETH Zurich), Svizzera; Massachusetts Institute of Technology (MIT) a Cambridge, MA, USA; Universidad Iberoamericana (UIA) a Città del Messico, Messico; Ecole Supérieure d’Architecture de Casablanca (EAC), Marocco; Indian Institute of Technology (IIT Bombay) a Mumbai, India; Tongji University a Shanghai, Cina; Universidade de São Paulo (USP), Brasile; e University of the Witwatersrand (Wits) a Johannesburg, Sudafrica.

pubblicato in data:

, ,