Torri al posto delle ex industrie di Marghera: gli esiti del workshop di Permasteelisa

gli autori: 15 studenti guidati da ingegneri e docenti universitari

Permasteelisa Group ha ospitato nella propria sede veneziana, Palazzo Giustinian Lolin, la quarta edizione del workshop internazionale “The Venice Towers“, un’esperienza di due settimane full-time che ha visto la partecipazione di 15 studenti, laureati e non, per approfondire i temi dell’architettura di grattacieli e della progettazione integrata con un gruppo molto valido di docenti composto da professori residenti – Luigi Croce, Università di Udine, Jason Pomeroy, Università di Nottingham, Chris Groesbeck e Monika Thadhani, VOA Associates, Chicago – affiancati da ingegneri di Permasteelisa Group che hanno affrontato il tema della progettazione vista dalla prospettiva della facciata architettonica.

Il workshop, organizzato da Luigi Croce con Venice Architectural Association e promosso dal Council on Tall Building and Urban Habitat (CTUBH) con il supporto degli studi di architettura Skidmore Owings & Merrill (New York), Pomeroy Studio (Singapore) e VOA Associates (Chicago), ha analizzato il problema dello sviluppo e della ricostruzione di un’area industriale dismessa a sud della zona residenziale di Marghera.

A tal proposito è stato chiesto agli studenti di progettare un piccolo gruppo di torri (di altezza 100-120 metri), con la collocazione del complesso in una zona industriale nella parte occidentale della laguna, a sud della città residenziale di Mestre, ora al centro di un vasto progetto di riqualificazione.

Sulla base di questo brief gli studenti hanno sviluppato, lavorando in piccoli gruppi, delle ipotesi di progettazione, all’interno delle quali è stata prevista anche la modifica radicale dei dintorni della costruzione, con la creazione di infrastrutture di trasporto, parchi e altre funzioni pubbliche sia sulla terraferma che nella laguna, tenendo conto dell’integrazione e della relazione tra “tall building” e il profilo storico e culturale del centro storico.

Il workshop è stato l’occasione per i ragazzi di avvicinarsi al mondo della progettazione di “tall buildings” e opere complesse, ma anche di studiare attraverso contributi e approfondimenti specifici la particolare e irripetibile storia urbanistica della città di Venezia.

La premiazione dei progetti vincitori elaborati è avvenuta lo scorso venerdì 18, giornata conclusiva del workshop, con l’assegnazione ai progetti di Ruchi Dattani (New Jersey Institute of Technology) e Dario Catozzi (Università di Ferrara) e di Enrico Beer Boimond (University of Sao Paulo) e Filippo Andrighetto (IUAV Venezia) del premio Venice Towers, consistente in periodi di internship presso gli studi di architettura partner dell’iniziativa.

Il gruppo Permasteelisa

Il Gruppo opera a livello mondiale nel settore della progettazione, produzione ed installazione di involucri architettonici, facciate continue e sistemi di interni, e offre soluzioni di elevato contenuto tecnologico, operando a stretto contatto con i grandi nomi dell’architettura contemporanea.

Oggi è presente in quattro continenti, con un network di oltre 50 aziende in più di 30 Paesi con oltre 6.000 dipendenti suddivisi tra i centri di Ingegneria e Design e gli 11 impianti produttivi equipaggiati con la più moderna ed avanzata tecnologia.

Attraverso i suoi centri di ricerca e la collaborazione con prestigiose università internazionali, Permasteelisa promuove lo sviluppo e l’applicazione di tecnologie innovative e soluzioni eco-compatibili che salvaguardano l’ambiente e migliorano le condizioni di abitabilità degli edifici.

Tra le realizzazioni del Gruppo vi sono alcune delle più prestigiose opere architettoniche contemporanee al mondo come l’Opera House di Sydney (il primo edificio a utilizzare in maniera estensiva il sistema di facciate continue), il rivoluzionario Museo Guggenheim di Bilbao, lo straordinario Walt Disney Concert Hall di Los Angeles e il MoMA di New York.

web www.permasteelisagroup.com

pubblicato in data:

,