In arrivo il modulo unico per la Super DIA

Prossimi passi: regolamento edilizio unico e gestione telematica delle procedure

Il Governo, le Regioni e gli Enti locali, hanno trovato un accordo sull'adozione di moduli unificati e standardizzati per la presentazione della Denuncia di Inizio Attività alternativa al permesso di costruire, la cosiddetta Super Dia. L'intesa è arrivata nella seduta della Conferenza unificata del 16 luglio.

Dopo il modello semplificato e unificato per la richiesta di Autorizzazione Unica Ambientale (AUA), approdato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 30 giugno, la marcia verso il completamento della modulistica unificata continua il suo corso. Ricordiamo che i moduli unici per il permesso di costruire e per la SCIA (Segnalazione certificata di inizio attività) erano stati approvati in Conferenza unificata a giugno 2014. A dicembre è toccato poi ai moduli per la Comunicazione di inizio lavori (CIL) e per la CIL asseverata, anch'essi approvati in Conferenza unificata, e, oggi, ampiamente adottati dalle Regioni.

Ora il percorso dovrà continuare con il completamento della modulistica (agibilità, comunicazioni di inizio e fine lavori, ecc.) e con la predisposizione di specifiche tecniche. Per l'adozione di tutti i modelli unici e delle relative istruzioni, il primo rapporto sul monitoraggio dell'Agenda per la semplificazione 2015-2017, pubblicato dal Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, indica come data di riferimento dicembre 2016.

All'appello manca ancora la predisposizione di uno schema tipo di regolamento edilizio che vada a sostituire gli oltre 8mila regolamenti in vigore. Ma il lavoro è ancora alle prime fasi. «Sono state raccolte informazioni, attraverso un questionario diffuso dalle Regioni, sulla presenza a livello regionale di linee guida, di criteri o schemi tipo» Il Ministero delle Infratsrutture dovrebbe iniziare, in collaborazione con i soggetti istituzionali interessati, le prime audizioni con Ordini, associazioni imprenditoriali, etc.

Predisposta la modulistica unificata, il secondo passo dovrebbe essere la gestione telematica delle procedure edilizie. È stato predisposto il documento che programma le attività necessarie a diffondere, su tutto il territorio nazionale e presso gli enti territoriali, i sistemi di compilazione on line di istanze, segnalazioni e comunicazioni.

Gli step individuati dal Ministero e da compiere sono tre: definizione delle specifiche tecniche della modulistica unica; rilevazione dello stato dell'arte delle procedure edilizie on-line, in modo da identificare best-practices replicabili; definizione di linee guida, modelli e percorsi attuabili.

pubblicato in data: - ultimo aggiornamento: