DDL di Bilancio 2018: autorizzate 200 assunzioni al Mibact

Il testo della Manovra arriva in Senato. Autorizzate 200 assunzioni al Mibact che attingerà dalla graduatoria del maxi-concorso 2016. Ok al rafforzamento dell'ufficio del Soprintendente speciale alla ricostruzione con personale a tempo indeterminato.

up-to-date

Il disegno di legge di Bilancio 2018, ricevuta la bollinatura dalla Ragioneria generale dello Stato, arriva in Senato. La manovra, all'articolo 39, autorizza il ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo ad assumere fino a 200 unità di personale, attingendo alla graduatoria del concorso per 500 funzionari, bandito a maggio 2016 e gestito dal Formez.

Previste assunzioni da parte del Mibact anche per rafforzare l'ufficio del Soprintendente speciale che opera nei comuni colpiti dagli eventi sismici che si sono susseguiti da agosto 2016 nel Centro Italia

Lo scorrimento della graduatoria per 500 funzionari

La previsione, nel 2016, era quella di assumere, a tempo indeterminato, 500 funzionari nei profili di antropologo, archeologo, architetto, archivista, bibliotecario, demoetnoantropologo, restauratore e storico dell'arte. Erano 130 i posti riservati agli architetti (le prove orali si sono chiuse lo scorso 31 luglio) ma ora le speranze, per chi sarà incluso nella graduatoria degli idonei, si ampliano (la graduatoria definitiva non è ancora pubblicata). Il personale sarà inquadrato nell'area III, in posizione F1.

L'onere complessivo - si legge nella relazione tecnica che accompagna il Ddl - è pari a 7.880.000 euro (tenuto conto che il costo di una unità di area III, posizione F1 è pari a € 39.400) e trova copertura quasi interamente nel budget assunzionale 2018. Ovviamente, non è ancora possibile sapere come le 200 unità di personale saranno ripartite tra i diversi profili.

Nuove assunzioni per la ricostruzione post-sisma

Il disegno di legge di Bilancio corregge il decreto Terremoto (Dl 189 del 2016), il quale consentiva al Mibact di reclutare personale tecnico per l'ufficio del Soprintendente speciale, attingendo alle graduatorie dei concorsi Ripam. Il personale, però, stabiliva il decreto Terremoto, era assunto per la durata di cinque anni. 

«Il risultato è che nel corso del 2017 in numerose occasioni, le unità di personale reclutate dal Soprintendente hanno poi risposto alla chiamata in servizio di altre Amministrazioni, con conseguenti disfunzioni per le operazioni di ricostruzione», viene specificato nella relazione che accompagna il Ddl.

Con la correzione apportata dalla manovra, il personale, che confluirà nell'ufficio del Soprintendente speciale, sarà assunto a tempo indeterminato. Trascorsi 5 anni a servizio dell'ufficio del Soprintendente speciale, i tecnici potranno essere assegnati agli altri uffici del Mibact.

Mariagrazia Barletta

IL TESTO 
Disegno di legge di Bilancio 2018 [senato.it]

pubblicato in data: