Homearchivio notiziearchivio up-to-datearchivio up-to-date luglio 2011

archivio up-to-date luglio 2011

archivio up-to-date luglio 2011

La Legge Sviluppo e le novità introdotte al Codice dei beni culturali e del paesaggio

La Legge Sviluppo e le novità introdotte al Codice dei beni culturali e del paesaggio

Nella legge di conversione semplificazioni nella procedura di autorizzazione paesaggistica; confermato l'innalzamento da 50 a 70 anni della soglia di salvaguardia e, quanto agli appalti di lavori per i beni culturali, ampliata la procedura negoziata fino ad importi di 1 milione.
Possibili tagli alle detrazioni del 36 e 55% su ristrutturazioni e riqualificazioni edilizie

Possibili tagli alle detrazioni del 36 e 55% su ristrutturazioni e riqualificazioni edilizie

Nella Manovra finanziaria è stata introdotta, a partire dai prossimi anni, una riduzione lineare di molte agevolazioni fiscali, fra cui le detrazioni Irpef del 36 e del 55% per le ristrutturazioni e riqualificazioni edilizie. A meno di un risanamento dei conti pubblici entro settembre 2013.
Il Decreto Sviluppo è convertito in legge. Prolungata la validità dei Piani Particolareggiati

Il Decreto Sviluppo è convertito in legge. Prolungata la validità dei Piani Particolareggiati

Pubblicata in G.U. la legge di conversione del Decreto. Per il capitolo "Costruzioni private", novità sui tempi di validità dei Piani Particolareggiati ed eliminata la possibilità di realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria a scomputo senza ricorso alla gara.
Aboliti il Regime dei Contribuenti minimi e il Regime fiscale agevolato

Aboliti il Regime dei Contribuenti minimi e il Regime fiscale agevolato

dal 1 gennaio 2012

Dalla manovra finanziaria l'abolizione dei regimi forfettari dei minimi e delle nuove iniziative, al loro posto un nuovo regime con imposta sostitutiva al 5% e di durata limitata a 5 anni e vantaggi irrilevanti per chi non può usufruirne. Aggiornamento del 18 luglio.
Manovra finanziaria: enigma sul taglio alle rinnovabili

Manovra finanziaria: enigma sul taglio alle rinnovabili

Il testo approda al Quirinale e si apre l'enigma sul taglio agli incentivi per le energie rinnovabili. Le agenzie danno notizia di una limitazione di risorse a favore delle rinnovabili, intanto i ministri competenti smentiscono e ambientalisti ed opposizione fanno sentire la propria voce. Aggiornamento dell'11/07/2011.